Regalare luce

Centomila persone sono radunate nel Coliseum di Los Angeles, in California. 
All’improvviso Padre Keller, che parlava a quell’immensa assemblea, si interruppe: «Non abbiate timore; adesso si spegneranno le luci!». 
Piombò l’oscurità sullo stadio; ma attraverso gli altoparlanti, la voce di Padre Keller continuò: «Io accenderò un fiammifero. 
Tutti quelli che lo vedono brillare, dicano semplicemente “sì”». 
Appena quel puntino di fuoco si accese nel buio, tutta la folla gridò: «Sì». 
Padre Keller seguitò a spiegare: «Ecco: una qualsiasi azione di bontà può brillare in un cuore di tenebre. Per quanto piccola, non passa mai nascosta agli occhi di Dio. 
Ma voi potete fare di più. 
Tutti quelli che hanno un fiammifero, l’accendano!». 
Di colpo l’oscurità venne rotta da uno sconfinato tremolio di piccoli fuochi. 
Se molti uomini di poco conto, in molti posti di poco conto, facessero cose di poco conto, la faccia della terra potrebbe cambiare. 

Leggendo questo brano, ho pensato a voi, cari ragazzi/e e a tutti, insegnanti, genitori e collaboratori della scuola “ Il Tessitore” Voi da tempo state collaborando al progetto di una scuola per tutti in Sierra Leone, con entusiasmo e partecipazione
Ora noi siamo più di 250 alunni ed ogni settimana altri chiedono di essere ammessi, soprattutto i piccoli che poi sono i fratellini e le sorelline di quelli che frequentano già le elementari. Per molte famiglie, in gran parte povere e numerose, il nostro aiuto, la nostra attenzione e la nostra vicinanza sono indispensabili.
Un grande grazie da tutti noi, con tanta e tanta riconoscenza,

Maria Teresa Nardello 
Lakka 01.02.2019



Nessun commento:

Posta un commento