Giorno della Memoria

Liliana Segre da molti anni dialoga con gli studenti parlando della sua esperienza di sopravvissuta ai campi di sterminio in cui venne deportata all’età di 13 anni.
Racconta con parole semplici l’indifferenza che ha permesso, tempo fa, che le leggi razziali contro gli ebrei e la loro deportazione, venissero considerati un fatto di ordinaria vita quotidiana che riguardava pochi e non tutti.
Lo ha raccontato in questi anni per evitare che gli orrori del passato, o la commemorazione senza consapevolezza dei fatti storici, diventino il terreno di crescita di una nuova indifferenza e di nuovi orrori.
Congratulazioni alla senatrice Lilliana Segre, presidente della Associazione Figli della Shoah che raccoglie sopravvissuti ai campi di sterminio, famigliari, amici e simpatizzanti. L’Associazione ha contribuito, fin dalla sua fondazione, alla campagna per l’approvazione della Legge che ha sancito la data annuale commemorativa del Giorno della Memoria a partire dal 27 gennaio 2001.

Alcune classi e alunni delle scuole di Schio saranno nel Cortile i Palazzo Fogazzaro alle 11.00 a commemorare per non ripetere, con musica e riflessioni.

Nessun commento:

Posta un commento