Il 2 aprile è la giornata internazionale contro le bufale


"I fatti sono importanti, perché a partire da quelli costruiamo la storia". E' una delle tante testimonianze a supporto dell''International Fact-Checking Day', giornata internazionale contro le bufale online, prevista per domenica 2 aprile. "E' importante perché permette di responsabilizzare la parola e il dibattito pubblico", dice un altro 'fact checker' nel video per il lancio della campagna.
"Con tutti i falsi titoli e i falsi allarmi che girano sul web - si legge su 'PolitiFact.com' - ci si può sentire in un pesce d'aprile in qualsiasi giorno dell'anno". E' sempre più diffusa la tendenza per la quale "le persone inventano maliziosamente storie fittizie, che poi passano come vere, sperando di ottenere click. Questa è la nostra definizione di 'Fake News'", sottolinea il sito di fact-checking, vincitore del Premio Pulitzer nel 2009. "Se ci si basa solo sui social media, si potrebbe non conoscere la verità".
Ecco perché, quest'anno, i fact-checker di tutto il mondo hanno deciso di mobilitarsi a sostegno dei fatti, scegliendo il 2 aprile - esattamente il giorno dopo quello che 'celebra' il Pesce d'Aprile - come 'Giornata internazionale del fact-checking'. Obiettivo: sostenere l'importanza di prove concrete e fatti reali in politica, nel giornalismo ma anche nella vita di tutti i giorni. "Se qualcosa sembra troppo terribile per essere vero, potrebbe non esserlo. E tutti noi - sottolinea 'Politifact.com' - dovremmo riflettere bene prima di cliccare sul pulsante 'Condividi'".

fonte Adkronos

Nessun commento:

Posta un commento