Giornata Mondiale della consapevolezza sull'Autismo. 2 aprile 2017



Per la giornata mondiale della consapevolezza dell'autismo le città si tingono di blu

L’autismo è una sindrome di natura neurobiologica che implica disabilità complesse, spesso gravi, si manifesta di solito nella prima infanzia con difficoltà di comunicazione e interazione, e particolari modalità comportamentali. 


Il 2 aprile ricorre la Giornata mondiale della consapevolezza sull'Autismo promossa dall'ONU e quest'anno alla sua decima edizione. L'evento viene celebrato in tutto il mondo con appuntamenti di informazione, formazione, solidarietà e sostegno. Il blu è il colore scelto per "identificare" le iniziative svolte da istituzioni e associazioni e può essere utilizzato per manifestare solidarietà e promuovere conoscenza. Ogni anno, infatti, i più importanti monumenti, o luoghi simbolo, in ogni parte del mondo, vengono illuminati di blu: dal One World Trade Center di New York alle Cascate del Niagara. Per ulteriori informazioni, e vedere quanto fatto negli anni, è possibile consultare la pagina web http://www.un.org/en/events/autismday/.
Sono milioni nel mondo, e migliaia in Italia, le famiglie che hanno a che fare nella vita di tutti i giorni con questo disturbo. Nonostante molti studi, non è noto ancora quali siano le cause dello sviluppo dell' autismo. I dati finora prodotti dalla ricerca consentono di avanzare solo ipotesi sull'origine del disturbo e, nell'insieme, non forniscono, al momento, elementi di certezza sulle cause, che restano sconosciute. Le sindromi dello spettro autistico sono fra le più complesse da trattare e richiedono conoscenze e competenze da parte di tutti professionisti coinvolti, non solo, necessitano di consapevolezza, collaborazione e impegno di tutti - genitori, studenti, docenti - per la definizione e realizzazione del progetto di vita.

Molti sono gli Enti che hanno già promosso iniziative di vario genere anche per le scuole, quale ad esempio la Fondazione Italiana per l'Autismo onlus, che intende supportare, analogamente ad altre Associazioni, progetti di sperimentazione e di ricerca anche in ambito scolastico.
L'Italia può vantare una legislazione tra le più avanzate al mondo nel campo dell'inclusione scolastica, ma l'attenzione e la sensibilità verso tali temi deve essere tenuta costante affinché possa sempre migliorare ed essere generalizzata la capacità di autonomia e di autodeterminazione delle persone in condizione di disabilità.
In particolare con la Legge n. 134/ 2015 si è disposto "l'aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza, con l'inserimento, per quanto attiene i disturbi dello spettro autistico, delle prestazioni della diagnosi precoce, della cura e del trattamento individualizzato, mediante l'impiego di metodi e strumenti basati sulle più avanzate evidenze scientifiche disponibili".
Il MIUR svolge un ruolo fondamentale per l'esercizio dei diritti di studentesse e studenti con autismo e porta un contributo significativo a riequilibrare gli svantaggi e perseguire il pieno godimento di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali per la piena realizzazione delle persone con disabilità. Tale compito richiede investimenti in formazione e modalità organizzative che coinvolgono tutto il personale scolastico insieme alla comunità territoriale in sinergia con i piani di inclusione. In quest'ottica sono stati attivati specifici "sportelli" rivolti ai minori con patologia certificata nello spettro autistico e alle loro famiglie. L'attività realizzata si concretizza nel progetto individuale, di cui all'articolo 14 della Legge 8 novembre 2000, n.328. Gli sportelli, in continuità con le sperimentazioni già in atto con i CTS ed i CTI, offrono anche consulenza al personale scolastico su strategie, metodologie e ausili per l'inclusione scolastica, oltre ad attivare collaborazione e sinergia tra scuola, sanità ed enti locali che partecipano, ciascuno per la propria competenza, alla realizzazione del progetto individuale, da considerarsi parte integrante del progetto di vita.
Nell'ambito delle azioni messe in atto è fondamentale curare anche gli aspetti di informazione e consapevolezza. Per quanto detto, il MIUR, in occasione della Giornata mondiale sull'autismo, intende dedicare la settimana dal 27 al 31 marzo alla sensibilizzazione su questo disturbo nelle scuole. La settimana è un'occasione di confronto fra le istituzioni scolastiche e un'opportunità per lavorare con enti, con le associazioni delle persone con autismo e dei loro familiari o associazioni scientifiche di settore, per interventi informativi e/o formativi sul tema, agevolando, per quanto possibile, la collaborazione e suscitando attenzione intorno all'argomento.
Le tematiche possono essere numerose fra cui l'innovazione metodologico-didattica inclusiva, la ricerca, la sperimentazione di modelli di collaborazione e di cooperazione dei team docenti, anche in sinergia con università, centri di ricerca, associazioni e terzo settore, la realizzazione di partenariati, anche in ambito europeo, caratterizzati da scambi e confronti di esperienze di didattica, la condivisione di programmi di utilità sociale (cura e riabilitazione), allo scopo di migliorare la qualità dell'inclusione scolastica.

IL CAPO DIPARTIMENTO
Rosa De Pasquale

Nessun commento:

Posta un commento