LET’S CELEBRATE…


26 SETTEMBRE: GIORNATA EUROPEA DELLE LINGUE
 

Conoscere solo la propria madrelingua spesso ormai non basta più: lo studio di altre lingue è diventato fondamentale, perché permette di aprire sempre più i propri orizzonti. Anche nella nostra scuola studiamo diverse lingue straniere oltre all’inglese: il francese, lo spagnolo o il tedesco.

Proprio per promuovere la diversità linguistica in Europa si festeggia ogni anno la Giornata Europea delle Lingue (European Day of Languages). 

 

WELCOME BACK TO SCHOOL

 Si torna a scuola!

Lunedì 14/09/2020 sarà il primo giorno di scuola.

Sarà un inizio diverso, una ripartenza, ma sarà emozionante ritornare ancora nella nostra scuola, sentire il suono della campanella, rivedere i compagni di classe e gli insegnanti, fare le lezioni in presenza e riprendere tutto da dove è stato lasciato alla chiusura.

Per proteggere la nostra salute e quella degli altri é importante ricordare delle semplici regole di responsabilità che ci permetteranno di vivere in sicurezza e cercare di stare a scuola il più possibile.


indossa la mascherina

 

igienizza bene le mani

 

lavati frequentemente le mani

mantieni la distanza di sicurezza di 

1 metro

 


E con questo auguriamo buon inizio di anno scolastico 

a tutti gli studenti, insegnanti, alla Dirigente e personale ATA!

Omaggio a Morricone

RICORDO DEL GRANDE MAESTRO


Dopo Ezio Bosso ci ha lasciato Ennio Morricone, un altro grande compositore. La sua storia di autore di colonne sonore si intreccia con la storia del cinema italiano e mondiale. Nella sua lunga carriera Morricone ha composto più di cinquecento musiche ricche di melodie inconfondibili e che sono diventate celebri colonne sonore di registri come Tarantino, Sergio Leone, Tornatore, Bertolucci, solo per citarne qualcuno.

BUONA ESTATE

SALUTI FINALI…

Siamo arrivati anche quest’anno alla fine di tutte le attività didattiche e purtroppo non siamo riusciti a salutarci come ogni fine d’anno scolastico con la consueta campanella che dà il via alle vacanze estive. 

Abbiamo vissuto l’inaspettata realtà della didattica a distanza e i ragazzi delle terze hanno concluso e superato i loro esami nella modalità online. Ci auguriamo tutti di riprendere presto la normalità e di tornare a rivederci tra i banchi di scuola!

LET’S CELEBRATE!

TEMPO DI SALUTI E FESTEGGIAMENTI!

Con questo post vogliamo salutare Anna e Liliana del personale ATA che hanno raggiunto il meritato traguardo della pensione! A nome di tutte le generazioni di studenti pubblichiamo la lettera di Chiara e Ilaria per ringraziarle del loro lavoro e della loro preziosa presenza nella nostra scuola!

Carissime Anna e Liliana,

con questa lettera vorrei ringraziarvi per il vostro lavoro.

Purtroppo devo farlo così, tramite un breve scritto, anche se so che non è il modo migliore per salutarci. Mi sarebbe piaciuto organizzare una piccola festa, un momento gioioso e simpatico, come sempre siete state voi!

Non mi è stato possibile per colpa di questo brutto virus, che ci ha portato via tante cose, tra cui la possibilità di andare ogni giorno nella nostra scuola. Posso solo immaginare quanto sia stato strano e “brutto” per voi concludere così il vostro ultimo anno di lavoro con noi ragazzi… 

Ma voglio rassicurarvi: nonostante quest’anno che non ci ha permesso di vivere assieme la scuola io non vi dimenticherò. E se anche dall'anno prossimo andrò alle scuole superiori e voi sarete tranquille a casa... un pochino di voi rimarrà sempre nei miei pensieri. Se potessi, vi darei l'Oscar come "Migliori Collaboratrici Scolastiche".

A CASA SO DI ESSERE PROTETTO

“Viaggio per il futuro” è il titolo di un’iniziativa che Progetto Marzotto, in collaborazione con Il giornale di Vicenza, ha promosso per le scuole elementari, medie e superiori della provincia. Di seguito potete leggere una pagina del “Diario di bordo” di questa quarantena scritta da Mattia Reghellin di 1^blu.

Omaggio a Christo

WRAPPED… 
OMAGGIO A CHRISTO E LA ‘LAND ART’
Recentemente si è tornato a parlare di ‘Land Art’ con la notizia della scomparsa del grande artista contemporaneo Christo Vladimirov (Gabrovo, 13/06/1935-New York, 2020). La testata Artribune lo ha definito l’«artista che impacchettava il mondo». Il suo prossimo progetto sarebbe stato a Parigi l’Arc de Triomphe wrapped, ossia l’Arco di Trionfo impacchettato (sarà comunque realizzato nel periodo 18/09-03/10/2021 dalla sua fondazione). Anche in Italia ha lasciato un’impronta sul paesaggio: di lui ricordiamo sicuramente l’installazione artistica del 2016 The Floating Piers, la passerella che ha permesso di camminare per sedici giorni sul Lago d’Iseo.
La storia di Christo è quella di uno studente bulgaro dell’Accademia di Sofia negli anni Cinquanta, che per sfuggire alla repressione del regime comunista inizia a spostarsi con viaggi di fortuna (nascosto in un camion diretto in Austria) prima a Praga, poi a Vienna, Ginevra, per trasferirsi infine a Parigi nel 1958. Nella Ville Lumière si mantiene realizzando ritratti firmati col nome di “Javacheff”; il destino vuole che lui dipinga il ritratto di famiglia e conosca così Jeanne-Claude Denat, che diventerà sua compagna di vita e di lavoro (tutte le loro opere saranno sotto il nome di Christo e Jeanne Claude, ossia un progetto artistico comune durato fino alla morte di lei nel 2009).